Cronologia e Storia

Postato in migrazione

IMMOBILE VIA MEDAIL 43

 

NOTA CRONOLOGICA E RIASSUNTIVA DELLA VICENDA

 

 

-        Con un decreto del Tribunale di Reggio Calabria del maggio 1996 viene disposta la confisca dell'immobile di via Medail 43, a Bardonecchia

-        Dietro domanda del sindaco Avato, dell’assessore Canu e della giunta comunale il Prefetto di Torino il 4 dicembre 2006 esprime parere favorevole all'assegnazione del Bene Confiscato al Comune di Bardonecchia per realizzare, in collaborazione con l'Associazione “Libera”, un Osservatorio sulla criminalità organizzata e per adibirla a sede di attività sociali.

-        L’8 febbraio 2007 il Tavolo Tecnico- Istituzionale, in presenza del Direttore dell'Agenzia del Demanio di Torino, di un rappresentante del Tribunale di Torino, oltre che di Francesco Avato in qualità di sindaco e dell'Associazione “Libera contro le Mafie”, delibera  formalmente la destinazione dell'immobile al Comune di Bardonecchia.

-        L’11 dicembre 2008 l'Agenzia del Demanio dispone il trasferimento del bene al patrimonio indisponibile del Comune.

-        L'11 febbraio 2009 l'immobile viene assegnato definitivamente al Comune e da esso inserito, con deliberazione del Consiglio Comunale del 2 marzo 2009, nel proprio patrimonio indisponible.

-        Nell’aprile 2009 tre riunioni preliminari con i rappresentanti del gruppo scout di Bardonecchia e del Masci Valsusa confermano la disponibilità di questi ad affiancare il Comune nella la gestione materiale dell'immobile con un progetto di ospitalità giovanile e di attività di formazione e di sensibilizzazione delle nuove generazioni sui temi della legalità.

-        L’8 maggio 2011 nasce a questo scopo l’associazione Liberamente Insieme: al gruppo promotore, costituito da scout, si potranno presto unire altre forze.

-        La Sitaf SpA, nella ricorrenza dell’anniversario dei suoi 30 anni, decide di finanziare i lavori di ristrutturazione a proprie spese.

-        Estate 2012 e primavera 2013 inizio lavori di ristrutturazione.

 

 

Questo, per sommi capi, il percorso attraverso cui una Comunità e la sua Amministrazione, hanno voluto e potuto muoversi alla ricerca di una maggior consapevolezza sul terreno della lotta alle mafie.